GRAVINA NON LASCIA RADDOPPIA MA CI PENSERA’ IL GOVERNO

0

Gabriele Gravina parla lentamente. La delusione per l’uscita prematura dall’Europeo tedesco è palpabile. Poi si esprime lentamente: “Ci sono tante riflessioni che si accavallano. Un po’ tutti siamo dispiaciuti per non aver portuto riconsegnare a tutti i tifosi italiani quel risultato che volevamo. Siamo dispiaciuti per il risultato ma nello sport la sconfitta ci sta. Quello che purtroppo rimane è la delusione per non aver poturo dimostrare a chi ci ha seguito tutto ciò che è stato fatto. Resta la delusione per una incapacità nell’aver potuto dimostrare ciò che abbiamo fatto”.

E ancora: “Non abbiamo dimostrato il carattere per soopperire alle lacune che purtroppo abbiamo – dice il presdeinte Fifc Gravina -. Ieri sera abbiamo condiviso le responsabilità con tutti. Siamo tutti responsabili. Ma dobbiamo continuare a esserlo. Lo faremo senza abbandonare la strada di un progetto pluriennale in cui comunque crediamo e che abbiamo inaugurato otto nove mesi fa. Ci saranno riflessioni profonde e passeremo ancora del tempo a confrontarci con il c.t. Spalletti. E abbiamo solo un modo per ripartire. Ripartire con il lavoro. Con la forza del lavoro. Con la forza dei progetti. Io sono pragmatico e credo solo nel lavoro. Dobbiamo essere lucidi e logici”.

LE PAROLE DI GRAVINA

Italia, Gravina: “Dispiaciuti per il risultato”

Il presidente della Figc inizia così: “Da tradizione c’è l’incontro con gli operatori della comunicazione. È anche l’occasione per ringraziare tutti i colori che hanno contribuito a questo evento. Mi riferisco a tutti i collaboratori della federazione in questi 30 giorni. Sono stati tutti impegnati per mettere tutti a disposizione. Lo abbiamo fatto anche con un progetto importante come Casa Azzurri e questo è un segnale molto positivo. È una giornata particolare perché il nostro appuntamento con Euro2024 si è concluso ieri. Siamo dispiaciuti per non aver potuto riconsegnare o dare a tutti i tifosi italiani che meritavano e meritano. Siamo dispiaciuti per il risultato”.

Gravina: “C’è delusione per la prestazione”

Gravina ha quindi commentato la prestazione degli azzurri: “Sappiamo che nel mondo dello sport il risultato è soggetto a molte variabili. quello che rimane è la delusione per non aver potuto dimostrare a chi ci ha seguito tutto quello che è stato fatto da questi ragazzi. Rimane la delusione della prestazione e dell’incapacità di esprimere ciò che potevamo fare. Rimane anche la delusione di non essere riusciti a toccare con mano la voglia di italianità. Questa credo sia la delusione su cui dobbiamo riflettere tutti”.

Italia, Gravina: “La responsabilità è di tutti”

Quindi un commento sulle responsabilità: “Una riflessione che abbiamo fatto tutti insieme: io, Gigi, il mister. La delusione l’abbiamo condivisa con i ragazzi perché non parliamo di un gruppo che non si prende le proprie responsabilità. Non abbiamo nulla da nascondere, siamo tutti responsabili. Ieri sera abbiamo fatto una lunga chiacchierata con il mister. Io sono molto pragmatico e penso che sia sbagliatissimo lasciare un progetto pluriennale dopo 8 mesi alle prime difficoltà. Ci saranno delle riflessioni profonde. Ieri sera abbiamo cominciato a confrontarci con Luciano Spalletti. Abbiamo solo un modo per poterlo fare e per capire che quando si cade, come è successo a noi, bisogna avere la capacità di rialzarsi con le idee e il lavoro. Io i problemi li affronto con il lavoro. Non ho la cultura dello scappare davanti alle difficoltà”.

Gravina: “Progetto Spalletti pluriennale, impensabile cambiare”

Infine un commento sul progetto Spalletti: “Appelliamoci anche al senso di responsabilità di cui ho parlato prima. Stiamo parlando di difficoltà ma con un progetto pluriennale davanti. Parliamo di un tecnico che è entrato in corsa ed è qui solo da 8 mesi. Abbiamo poco più di 100 selezionabili per la Nazionale. Per me il discorso è che bisogna ragionare su alcune norme che ci sono a oggi perché questo non dipende dal presidente federale. A me sembra che ci sia sempre di più la voglia di tagliare spazio alle Nazionale, questo è l’amore che viene dato alle Nazionali. Spalletti ha la nostra la fiducia. Tra 60 giorni abbiamo una nuova competizione. Abbiamo solo l’esigenza della valorizzazione del talento perché questo c’è. Tutte le nostre giovanili sono tutte qualificate alla fase finale. Siamo gli unici. Per la prima volta nella storia la nostra U17 ha vinto l’Europeo”.

About Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *