INTER-JUVENTUS DOPO PARTITA PIENO DI INCIDENTI 2 DASPO E 50 ARRESTI PER I TIFOSI NERAZZURRI 1 DASPO PER UN BIANCONERO

0

                               ASSALTO AL PULLMAN DELLA JUVENUS

Lanci di bottiglie e bombe carta, gravi scontri la scorsa notte dopo Inter-Juventus fuori dallo stadio di San Siro a Milano, 2 arresti e 50 tifosi sottoposti a Daspo.

Al termine della partita di campionato Inter-Juventus, conclusa con il risultato di 1 a 0 per i nerazzurri, ci sono stati gravi scontri. Verso mezzanotte e mezza, i pullman dei club di tifosi bianconeri sono stati scortati dalle forze dell’ordine all’esterno del parcheggio ospiti dello stadio Meazza a Milano e, giunti in via Harar, all’altezza di via Pinerolo, sono stati oggetto di un fitto lancio di bottiglie da parte di tifosi interisti che hanno agito a volto coperto.

Inter-Juve, bombe carta contro la polizia e i pullman dei tifosi  bianconeri: 2 arresti e Daspo per 50 nerazzurri
Lanci di oggi contro il pullman della Juventus

Assalto ai pullman dopo Inter-Juventus, 2 arresti

Gli stessi hanno anche lanciato delle bombe carta in direzione dei mezzi delle forze dell’ordine e dei pullman stessi, causando il danneggiamento di un veicolo del Reparto Mobile della Polizia di Stato.

La Questura di Milano ha immediatamente inviato contingenti, a supporto delle forze dell’ordine impegnate nella scorta tifosi, che hanno bloccato 50 tifosi interisti in via Pinerolo rinvenendo, altresì, bastoni cinture e tirapugni in un’area verde nei pressi di via Ippodromo.

Tutti i 50 tifosi nerazzurri sono stati accompagnati in Questura: due di loro, un 22enne e un 24enne, sono stati arrestati e 48 sono stati denunciati per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. Il Questore Petronzi, dopo quello già emesso a un tifoso juventino prima dell’inizio della partita, ha emesso un Daspo nei confronti di tutti i 50 supporters interisti.

l questore di Milano, Giuseppe Petronzi, ha emesso un Daspo nei confronti di tutti i 50 supporters interisti portati in questura. Il servizio di ordine pubblico era entrato in funzione fin dalla mattinata per la bonifica dello stadio Meazza, la staffetta dei pullman delle squadre, la vigilanza delle stazioni ferroviarie e della barriera autostradale di Milano Ghisolfa in occasione dell’arrivo dei tifosi ospiti, con il coordinamento della sala operativa della Questura, e la gestione della viabilità per supplire all’assemblea sindacale indetta da personale della Polizia Locale.

Diciotto tifosi juventini, intorno alle 18, erano stati identificati dai poliziotti della Digos dopo aver lanciato un petardo sotto il pullman di un Inter Club che stava portando i supporter nerazzurri a San Siro. Gli agenti della Polizia di Stato, durante il filtraggio degli ospiti, avevano trovato un tifoso bianconero di 21 anni che, in possesso di un fumogeno, era stato denunciato e allontanato dallo stadio dopo l’emissione nei suoi confronti di un Daspo della durata di un anno. Inoltre circa 60 supporter juventini erano stati allontanati dallo stadio dopo essersi presentati ai tornelli senza i biglietti.

About Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *