SCANDALO INTER-VERONA, FABBRI RICHIAMATO AL VAR SI RIFIUTA LA SUA MALAFEDE ORMAI E’ EVIDENTE

0

FABBRI SI RIFIUTA DI ANDARE AL VAR PER CONCEDERE IL GOAL ALL’INTER NASCA GRIDAVA: “FISCHIA FISCHIA SANTO CIELO”

Inter-Verona 2-1, decide il gol di Frattesi al 93': polemiche per una gomitata di Bastoni. Poi Henry sbaglia un rigore in extremis

‘Fischia, fischia, ma fischia santo cielo”. E’ l’invito accorato lanciato dall’addetto al Var Nasca nel finale di Inter-Verona diretta dall’arbitro Fabbri, che tante polemiche e proteste ha generato per la mancata segnalazione della gomitata data dal nerazzurro Bastoni a Duda e dal successivo gol-vittoria per i nerazzurri realizzato da Frattesi. Durante le due ore di incontro con i media, il designatore Gianluca Rocchi ha fatto mostrare e diffondere le immagini e l’audio del contestato episodio. E Rocchi sull’invito a fischiare ha dato ragione a Nasca: ”Con il difensore del Verona  a terra in area di rigore – le sue paroel -, Fabbri doveva interrompere l’azione, in particolare dopo che era colpita la traversa, perché a quel punto l’azione era finita e non bisognava proseguire. Invece Fabbri ha fatto continuare per tre minuti”. Nell’audio si sente dire dal direttore di gara: ”Duda mi ha guardato e si è rimesso giù. Questa è furbizia”. Da qui è nata evidentemente la decisione di non sanzionare il contrasto e far continuare l’azione. Nasca ha poi aggiunto: ”Gol regolare, gol regolare”.

Con tutto quel che ne è scaturito. Invece, è stato detto oggi, doveva essere punito il fallo di Bastoni. ”Non so perché non sia stato ravvisato dal Var – ha ammesso Rocchi -. Ad esempio, l’atteggiamento di Faraoni durante Juventus-Verona ci ha fatto arrabbiare molto ma non ha condizionato la decisione come è stato giusto. In Inter-Verona Fabbri non ha dato la giusta importanza al fallo di Bastoni. Le responsabilità su questo gol è sia di Fabbri che di Nasca allo stesso modo. Come ho detto fin dal primo giorno, bisogna arbitrare con coraggio, non avere mai paura di decidere”(ANSA).

 

About Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *