LA JUVENTUS CON QUESTO ALLENATORE HA PERSO LA DIGNITA’ E NON SOLO, DA REPORT SOLO CONFERME

0

Mi ero ripromesso  di non guardare e non seguire più la Juve fino al momento in cui la società non avesse riacquistato un’immagine almeno decente e purtroppo ci sono ricascato. Sassuolo è stata l’ennesima tappa di un percorso scandaloso, senza dignità, l’ennesimo di un’annata che fa seguito a quella passata senza che nulla cambi e dove siamo diventati una vera barzelletta che si racconta purtroppo anche in Europa. E nulla cambia anche perché nulla può cambiare avendo in direzione non un cane che capisca qualcosa di calcio giocato visto che addirittura si sente parlare di un proseguimento anche per i prossimi due anni di quella sciagura di Allegri sulla panchina. Uno schifo simile non è più tollerabile, nel mondo del calcio è impossibile trovare un incapace, inetto e ignorante come il livornese, oltretutto strapagato, ma qui subentrano altre colpe perché non credo che lui sia andato a firmare questo contratto demenziale puntando la pistola alla tempia di chi sappiamo. In ogni caso la delusione che provo mi regala un dolore quasi fisico, non è che nell’oltre mezzo secolo abbondante che seguo e amo la Juve non siano successi momenti brutti, tristi, con sconfitte amarissime o addirittura tragici lutti come l’Haysel, ma tutto rientrava in un ambito di sport dove si vince e si perde come in tutte le discipline, ma ciò che sta succedendo ha nulla a che vedere con lo sport, calcio giocato senza senso, questioni legali, plus valenze, false informazioni, questione stipendi molto misteriosa, tutte questioni dove, a parte il calcio giocato, potremmo anche uscirne puliti, lo spero con tutto il cuore, ma rimane il fatto che gira la frittata come vuoi ma se ci sono porcherie noi ci siamo sempre di mezzo.

E qui arrivo a Report di ieri sera. Non sto lì a fare commenti su ciò che si è visto perché il tutto si autocommenta, il più pulito ha la rogna ma la la rogna più pruriginosa e puzzolente ce l’ha l’Inter, la società più schifosa e marcia d’italia e fin dai tempi di Moratti padre. Raccontai in passato e in questa sede le confidenze che ebbi da Italo Allodi quando venne alla Juve da general manager dopo esserlo stato alle dipendenze di Moratti padre. Roba da non credere. E il tutto è continuato tranquillamente e questi schifosi hanno mai pagato dazio, grazie a questioni che raccontate sembrano inverosimili. Devo dire che la serata di Report mi ha incuriosito ma non stupito, si sono sentite cose che non erano più solo il sentito dire, ma reali, concrete, tangibili, ma non mi hanno assolutamente stupito. Devo però dire che adesso sento l’esigenza di avere un chiarimento serio, deciso e senza se o ma sulla storia della cordata Luca di Montezemolo, Gabetti e chi altro per imporre John Elkann come presidente FIAT e dato che lui odiava Moggi e Giraudo e voleva farli fuori, mentre Andrea Agnelli era contrario anzi ne era amico, la soluzione pensata e realizzata fu quella di mandare la Juve in B per defenestrare la coppia. Tutto perfetto, Juve in B e finalmente si spiega l’arringa del patetico avvocato Zaccone che chiese la B con trenta punti di penalizzazione. Avvocato difensore, non pubblico ministero. La cosa che mi ha più impressionato sono state le dichiarazioni dell’avvocato Galasso, juventino doc, quando ha affermato che sono stati presi in giro dieci milioni di juventini con questa storia di beghe di famiglia con la serie B come arma impropria. Sono sbigottito, queste cose non fanno parte di un giornaletto scandalistico da spiaggia, ma di una trasmissione che, piaccia o non piaccia, va a fondo delle cose. Urge un chiarimento di questo schifo, chissà se riuscirò ancora a vedere un po’ di calcio giocato senza l’assillo di queste schifezze. Vuol dire che invece di guardare la Juve in TV o andare allo stadio continuerò ad andare in bocciofila con l’obbiettivo di portare a casa un paio di bottiglie o qualche scatola di sardine. Forza povera Juve. Danilo Girardi 

About Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *