ALLEGRI E DI BELLO AFFONDANO LA JUVENTUS 2-1

0

Lazio-Juventus, grandi polemiche per il gol del vantaggio di Milinkovic-Savic - foto 1

Allegri e Di Bello scassano al Juventus alla sua sesta sconfitta consecutiva. Il primo sbaglia formazione, atteggiamento e anche le sostituzioni. Il secondo pilota la partita in campo invertendo falli, sorvolando sul fallo di Milinkovic Savic che ha portato al vantaggio dei romani e non ha fischiato un netto fallo da rigore su Chiesa a pochi minuti dalla fine. Il resto è il solito refrain di una Juventus penosa a tutti i livelli ripresa solo dall’ingresso di Paredes al posto di Locatelli.  A fine primo tempo Di Bello e Irrati, rispettivamente arbitro e Var di Lazio-Juventus, per aver deciso di convalidare il gol del vantaggio dei biancocelesti firmato nel finale del primo tempo da Milinkovic-Savic. Il centrocampista di Sarri riceve il pallone da Zaccagni e per evitare l’intervento di Alex Sandro si aiuta con le mani facendo platealmente volare via il difensore brasiliano, ma il direttore di gara giudica il contatto non falloso e decide di convalidare la rete tra le proteste dei giocatori e della panchina bianconeri (Bonucci è stato ammonito). Il Var Irrati riguarda le immagini della spintarella ma non richiama Di Bello all’on field review e decide di non intervenire, 1-0 per la Lazio. La Juventus la riprende dopo 4 minuti  Rabiot (42′) rimette tutto in equilibrio sugli sviluppi di un corner. nella ripresa non cambia nulla fino al vantaggio della Lazio  Zaccagni (54′) a decidere il match concludendo un’azione da manuale confezionata da Felipe Anderson e Luis Alberto. La Juventus mette dentro Chiesa a sinistra, Paredes al posto di uno insufficiente Locatelli e Milik al posto di Vlahovic questa sostituzione è stata un errore perchè la Juventus ha cominciato ad attaccare forsennatamente andando sovente vicino al pareggio ma senza punta di riferimento perché Milik è scarso. Se proprio dovevano togliere Vlahovic e non doveva essere tolto valeva la pena mettere Kean e non un fantasma ridicolo come Milik inesistente. L’atteggiamento dell’arbitro che nega un rigore su Chiesa, ma l’arbitro evidenzia la sua malafede fischiando a senso unico. Ma su questo ormai da tempo non ci meravigliamo più. Allegri è improponibile. Sergio Vessicchio

About Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *