AGNELLI TORNA A PARLARE, LE RAGIONI DELLA SUPERLEGA

0

 

 

Agnelli: "Ceferin era d'accordo con la Superlega, ma ora si sente un re"

 

Andrea Agnelli torna a parlare, un mese e mezzo dopo l’ultimo atto da presidente della Juventus e lo fa per spiegare, in certi casi ribadire, le ragioni della Superlega. Lo fa al quotidiano olandese “De Telegraaf” e non è un caso, visto che proprio alcuni club olandesi, e in particolare l’Ajax, sono sempre stati indicati come esempio concreto delle storture dell’attuale sistema del calcio europeo. Non parla più da presidente della Juventus, ma da uomo di calcio europeo, che è stato per molti anni dentro le istituzioni, che ha provato a cambiare senza riuscirci e che ora cerca di cambiare da fuori con un modello di competizione nuovo.

l monopolio insano

“Il monopolio della Uefa deve essere spezzato per dare ai club un futuro finanziariamente stabile. Un futuro in cui i club non affrontino problemi nel caso non si qualifichino una volta per le competizioni europee. Perché questo è un problema per qualsiasi club. L’Ajax è diventato campione d’Olanda nel 2019, ha vinto la coppa e la Supercoppa e ha disputato le semifinali di Champions League. Due mesi dopo, il club avrebbe potuto essere eliminato nel turno preliminare della nuova Champions League. Con una tale incertezza, non è possibile come club prendere decisioni a lungo termine sostenibili e sane. Ecco perché sono favorevole a un sistema di campionati nel calcio europeo di vertice, con maggiori opportunità finanziarie e sportive per ogni club”.

Il progetto con Ceferin

“Nel 2019 eravamo pronti, Aleksander (Ceferin, ndr) ed io. I top club di tutte le sottodivisioni dell’Eca (allora circa 130 club professionistici europei) si erano accordati su un nuovo formato. I club di medie dimensioni delle grandi leghe, i dirigenti delle grandi leghe e alcune associazioni nazionali vedevano il nuovo formato come una minaccia e quindi Ceferin si è ritirato. I club erano a favore di un sistema del calcio europeo rinnovato e migliorato. Quando la Uefa ha deciso di bloccare il progetto, sono nati progetti esterni alla Uefa per organizzare un nuovo campionato con tutti i club dell’Eca. La possibilità che il progetto prenda il via dipenderà dalla Corte di giustizia europea”.

Un futuro europeo

“A livello interno è stata una guerra che non sono riuscito a vincere. Pur sapendo che il sistema attuale non offre un futuro ad Ajax, Anderlecht, Celtic, Benfica, Panathinaikos e Stella Rossa di Belgrado… Allora non si resta fermi, ma si prendono altre strade per arrivare a ciò che si vuole fare per il calcio europeo di club. Perché, a parte la mancanza di stabilità finanziaria, in molte competizioni, nazionali e internazionali, i vincitori sono noti in anticipo. Principalmente a causa degli introiti che i club ottengono dal  mercato nazionale. L’Inghilterra è al primo posto in questo senso e si può vedere come la Premier League sia rappresentata in maniera generosa nelle fasi finali dei tornei di coppe europee. La Spagna è subito dietro insieme ad alcuni club come il Paris Saint-Germain e il Bayern Monaco. Ma in una competizione sportiva è importante che ogni partecipante abbia la possibilità di vincere. Così anche Ajax, Feyenoord e Juventus. Come appassionato di calcio, sostengo fortemente una competizione internazionale di questo tipo. Al contrario delle federazioni internazionali. Non hanno alcun riguardo per i problemi dei club. Come governanti, vogliono mantenere tutto com’è. Si oppongono a qualsiasi cambiamento. Ecco perché il sistema non è adatto al futuro”.

Il sistema avvantaggia i ricchi

“Se rimane tutto così prevedibile come in questo momento, il pubblico si allontanerà dal calcio. Continueranno a seguire il calcio internazionale in Olanda se l’Ajax, il Feyenoord o il Psv non hanno mai la possibilità di vincere o di competere? Da qui nasce l’idea di un campionato europeo con diverse divisioni con un sistema di promozione e retrocessione. A condizione che offrano pari opportunità ai club. Pensate a sessanta-ottanta club in tutta Europa. Con i miei 13 anni di esperienza nel settore calcistico, so come funzionano le cose, ho raccolto idee e dico che è tempo di campionati più equi. Non campionati determinati esclusivamente dal successo commerciale, né dai mercati in cui si spende di più per il calcio. In chiave europea, i mercati più grandi ottengono anche il maggior numero di introiti dalla Champions League. Quindi, se si mantiene il sistema attuale, il divario tra i club inglesi e spagnoli e gli altri, non fa che aumentare. Ad eccezione probabilmente per il Psg e il Bayern Monaco. Invece si dovrebbe puntare a una maggiore democrazia sportiva. Un club polacco non ha forse il diritto di raggiungere il successo? I tifosi polacchi non hanno abbastanza passione per il calcio? Un’esatta parità di condizioni è un’illusione in Europa, ma bisogna lottare per ottenerla. È qui che sta la sfida. Chi guarderà una partita il cui vincitore è scontato?”

Libero mercato o monopolio?

“Ho molti contatti con i club e molti sono favorevoli a un panorama calcistico diverso. Ma se parli con me, sei d’accordo con me o mi segui, vieni bandito dalla Uefa. Come club, proclamare apertamente di volere un modello di campionato europeo migliore e più equo non ti rende simpatico. Quindi i club difendono la propria posizione e si adeguano alla Uefa. Il mio successore all’Eca è Nasser Al-Khelaifi, Presidente del Paris Saint-Germain. Un tipo simpatico. Non ha seguito la Superlega. Ha sostenuto la Uefa perché un altro campionato non è nell’interesse del Qatar, proprietario del Psg. Non ci si può aspettare un cambiamento da parte sua. Ma sotto sotto, c’è abbastanza entusiasmo per le iniziative dei nuovi campionati tra molti club, ma anche tra i giocatori, il pubblico, le società televisive, le parti commerciali e gli investitori. Solo la Uefa ha il monopolio e frena tutto. Finché la Corte europea lo permetterà. La sentenza è attesa per la primavera. Sono molto curioso di sapere se la Corte confermerà la posizione monopolistica delle associazioni Uefa in un mercato europeo libero. Se così fosse, la Corte non considererà l’industria del calcio, con un fatturato annuo di circa 50 miliardi di euro e 700.000 posti di lavoro coinvolti, come un’attività economica, ma come un piccolo gioco, un’attività basata su volontari che giocano una partita di calcio in part-time”.

Salvare i campionati nazionali

“Naturalmente Ajax, Feyenoord e PSV hanno bisogno dell’Eredivisie e viceversa. È necessario qualificarsi per la Superlega attraverso il campionato nazionale. Un campionato nazionale forte e paritario è nell’interesse di tutti. Se si fa un confronto con l’Europa, si nota la tendenza dei campionati nazionali a diventare sempre meno popolari nel sistema attuale. Manca l’emozione, i campioni sono fissi. Che valore ha il campionato francese con il Psg come campione eterno? O quello italiano, persino i campionati tedesco e spagnolo sono in declino. Solo la Premier League cresce sempre di più ed è una Superlega istituzionalizzata. La Premier League raccoglie circa quattro miliardi di euro all’anno, la Spagna circa la metà, la Germania 1,5 miliardi e l’Olanda 100 milioni di euro. Il dominio inglese minaccia anche il calcio europeo. In Champions League, a partire dai quarti di finale, è tutta una questione di club inglesi e di altri tre o quattro club come Real Madrid, Barcelona, Psg e Bayern Monaco, con un’occasionale outsider come l’Ajax nel 2019. Questa prevedibilità è la campana a morto per qualsiasi campionato. D’altra parte, è necessario creare le condizioni economiche e finanziarie per i club in modo che non perdano tutte le entrate in un colpo solo dopo una stagione negativa. La Premier League utilizza a questo scopo il sistema del paracadute. I club retrocessi ricevono una compensazione finanziaria per alcuni anni. Nel contesto europeo, questo sarebbe anche un elemento da considerare per la nuova competizione europea”.

Fiducia nella Corte

“Ho 47 anni e quindi sono troppo giovane per non fare nulla. Come europeo impegnato ho piena fiducia nel tribunale, ma non voglio speculare sull’esito, anche se spero che la sentenza cambi lo status quo. Si sa, questo è il calcio e il motto della Juventus è “fino alla fine”. In altre parole, dobbiamo aspettare la Corte prima di poter completare il lavoro sul nuovo modello di campionato europeo. Nei nostri piani gli interessi di tutte le parti interessate, club, tifosi, giocatori, devono essere al primo posto. Non come adesso, dove la Uefa è al primo posto in tutto. Senza possedere nulla. Controlla tutto, tutte le condizioni finanziarie, commerciali, legali e sportive. Mentre la Uefa è di fatto responsabile solo della definizione della data e delle partite nel contesto europeo. Sono i club a occuparsi dell’organizzazione vera e propria delle partite. Sono loro a fare tutto il lavoro”.

I due re del calcio

“Il ruolo di organizzatore dei torni, ora in mano alla Uefa, può essere assunto senza problemi da un’organizzazione gestita dai club. Non credo che la soluzione del 2019, in cui club e Uefa erano allineati sia possibile con Ceferin e C. al timone. Inoltre, non è strano che ci sia un solo candidato alla presidenza sia della Uefa che della Fifa? In particolare quelli che sono già lì: Ceferin e Gianni Infantino. È una cosa sana? Ci si può aspettare un cambiamento da queste persone? Ceferin e Infantino faranno di tutto per rimanere al centro del potere. Per assicurarsi i loro privilegi. Avete visto cosa dice Ceferin nel documentario della Apple? Come presidente Uefa, si sente potente come un re e parla come un primo ministro dell’organizzazione delle competizioni”
(Agnelli si riferisce a un’intervista con lo sloveno in cui Ceferin rivela come si vede, anche in relazione ad Agnelli: “Bandirò quella persona dalla mia vita, chi mi tradisce non lo perdonerò mai. Sono il presidente dell’organizzazione sportiva più potente del mondo. Non dobbiamo obbedire a nessuno, discuteremo, ci accorderemo e andremo avanti per la nostra strada”).

Io e Ceferin

“No. In realtà, non ho alcun problema con lui. Quando mi chiama, rispondo. Con me l’amicizia e i sentimenti personali non si intromettono negli affari. Aleksander è il padrino di una delle mie figlie. Ne sono felice. È stata la scelta del momento. Ha promesso a Dio che, se mi succederà qualcosa, si prenderà cura di lei. Non si può dare o prendere indietro”.

 

About Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *