SERATONA JUVENTUS MA SERVE A POCO

Uno 0-3 sul campo del Barcellona è sempre un risultato di prestigio nonostante il cattivo momento dei balugrana che pochi mesi fa ne presi una valanga dai tedeschi.Quando la Juventus gioca con il 3-5-2 vince, purtroppo non lo ha capito quello scadente non allenatore messo sulla panchina della squadra piena di campioni che non sa far giocare.McKennie è fantastico non tanto per le sue qualità tecniche che ancora deve sviluppare completamente ma per come s’inserisce e la tempistica perfetta che ha è insostituibile.

 

 

La Juventus ha vinto facile senza strafare aiutata da un calcio di rigore dubbio,anzi non c’era, con il quale è cominciata la goeada di un camp nou vuoto e quindi non di aiuto al Barcellona,mostrando i muscoli.Gli spagnoli a Torino hanno spradoneggiato all’andata e questo  accresce i demeriti dell’avvio di stagione di Pirlo il vero punto debole della formazione bianconera.Il raddoppio di McKennie è di antologia,solito refrain con Cuadrado che spiattella in area un pallone morbido morbido che lo statunitense trasforma in goal con un capolavoro in acrobazia.La Juventus domina a centrocampo dove spesso non gioca con i 3 centrocampista che invece c’erano in campo questa volta.Il ritorno del Barcellona è poca cosa,solo un dimesso Messi con una banda di ragazzi non tanto all’altezza fa vedere qualcosa.

 

 

Nel secondo tempo la Juvents riparte come nel primo e va in goal su rigore per un tocco di mano ma la squadra dominava.Sullo 0-3 poi il Barcellona reagisce ma la Juventus va ancora in goal con Bonucci, il tocco del centrale difensivo è in fuori gioco.Il finale riserva un recupero di Ronaldo su Messi e consegna alla Juventus il primo posto nel girone,serve a poco e soprattutto non deve illudere che la Juventus ha risolto i problemi.Se gioca 3-5-2 probabilmente qualche recupero ci sarà anche in campionato altrimenti senza allenatore in panchina sarà dura anche perchè non capendo un cazzo ma avendo l’appoggio della società Pirlo terrà fuori la Juventus dai podi più alti.Sergio Vessicchio

About Author